Jean Guy Talamoni è u Salone Internaziunale di l’Agricultura.

U Salone Internaziunale di l’Agricultura.

Quist’annu torna l’agricultura corsa serà presente in Parigi, sin’à u 4 di marzu. L’agricultori corsi feranu scopre à un publicu largu assai tutti i nostri prudutti casani d’eccessione. Sò l’agricultori i nostri più boni ambasciatori perchè, mustrendu u so sapè fà, sprimenu dinù u nostru sapè esse.

In un isula verde ma micca salvatica, l’agricultura hè una parte essenziale di l’identità corsa. Hè sempre stata liata à a storia di u nostru paese è à a storia di a so ghjente. Conta u nostru raportu à u tempu, à a nostra isula, à a so prutezzione, à a so attrattività è à u so sviluppu.

I respunsevuli pulitichi di a Cullettività di Corsica escenu da una lotta pulitica chì hà sempre piazzatu l’agricultura in core à u prugettu di sviluppu è chì a surgente fù precisamente u mondu paisanu è agriculu. Di fronte à i partigiani di a monoattività turistica è a i speculadori immubiliari, u Riacquistu di a terra fù un solcu forte di stu cumbattu.

Per via di l’agricultori corsi, u publicu scuprerà dinù u nostru sapè esse, forse cù un sguardu novu.

Noi altri, eletti di a Cullettività di Corsica, vulemu sustene i pruduttori impegnati assai ind’è a difesa di l’agricultura cù a vuluntà forte d’inventà torna u so mistieru per purtà lu versu u dumane.

A Corsica abbisogna una agricultura pruduttiva, chì permetterebbe di nutrisce a ghjente. St’agricultura a vulemu muderna, rispettuosa di l’ambiente è forte di a so identità.

Ghjunghjeremu à stu scopu, priservendu e nostre terre agricule, aiutendu i ghjovani à stallà si è sustenendu e dimarchje di certificazione per prutege e nostre pruduzzione.

Simu felici di participà à a 55a edizione per fà sparte l’arte è a manera è anzituttu a passione di a nostra terra chì ci porta.

Jean Guy Talamoni

Soyez le premier à commenter

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée.


*